STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

martedì 4 giugno 2019

Ratings: Ad Anthony Van Dyck un Racing Post Rating di 120, a Sottsass un 119. Confronto in corso..

Giornata abbastanza tranquilla quella di martedì, ciò ci permette di evidenziare un paio di particolarità scaturite dall'esito del Derby di Epsom sabato e da quello francese nella giornata di domenica con dati alla mano che ci permettono di capire quale è stata la valutazione degli analisti del Racing Post, in attesa dei valori degli handicapper ufficiali internazionali. 
Continuando a leggere troverete tutti i valori degli ultimi anni sia del Derby Inglese che del Derby francese, con gli obiettivi più o meno immediati di coloro i quali sono riusciti ad entrare nell'albo d'oro della corsa più prestigiosa che un 3 anni possa vincere. Ecco qui sotto valori, valutazioni e obiettivi. 
In Inghilterra il Derby di Epsom ha lanciato verso la gloria Anthony Van Dyck (Galileo), ennesimo O'Brien a segno, sul quale non ci soffermeremo più molto se non per dire che la vittoria ad Epsom gli ha fruttato un valore di 120 di RPR. Non un valore altissimo se lo consideriamo con gli altri degli anni passati, ed è sicuramente il più basso degli ultimi 10 anni. 
Solo il futuro ci dirà qualcosa in più perchè, ricordiamo, i 3 anni sono in totale progresso e non sai mai cosa possano dare ancora. Così come prima del Derby si può immaginare solo una crescita, che poi il campo certifica. Una cosa è sicura: Per vincere ad Epsom non basta solo la classe, ma serve anche tanta stamina. I protagonisti del Derby inglese, probabilmente si ritroveranno al Curragh per una sorta di rivincita. 
Anthony Van Dyck ha preso il valore più basso degli ultimi 10 anni, ma comunque più alto dal 2006, da quando lo vinse Sir Percy. Scorrendo, andando a ritroso dal 2019 fino al 2006 appunto, Masar prese 122, Wings Of Eagles 121, Harzand 124, Golden Horn 127, Australia 125, Ruler Of The World 121, Camelot 126, Pour Moi 121, Workforce 129, Sea The Stars 124, New Approach 126, Authorized 130, Sir Percy appunto 118, più basso dello stesso Anthony che ha comunque ha il triste primato del valore più basso da 10 anni a questa parte. 
FRANCIA: In Francia invece la media dei valori espressi è stata sempre mediamente più bassa, ma relativizzando agli anni passati, confrontati con Epsom, siamo di fronte ad un Sottsass (Siyouni) che ha preso un buon 119, pari a un The Grey Gatsby ed un New Bay, meglio di tanti altri mentre il picco resta Intello con il suo 121. Tornando a Sottsass, il suo proprietario Peter Brant ha annunciato che il suo desiderio, da quando è nel mondo delle corse, è vincere l'Arc de Triomphe. Ci proverà con un cavallo sul quale, ovviamente, ci sono dubbi sulla tenuta ma dovuto al fatto che non l'ha mai affrontata. Cristian Demuro dice che sicuramente la fa, la paternità di Siyouni, ma soprattutto la mamma figlia di Galileo, da una certificazione in tal senso. Poi, certo, corrono i cavalli e non i pedigrees. Sottsass, secondo quanto filtrato, non dovrebbe correre più nel corso della stagione per preparare proprio l'affondo al ParisLongchamp per il quale i bookmakers hanno inserito una quota di 16/1 nell'antepost. 
Ecco tutti i vincitori di Prix du Jockey Club negli ultimi 10 anni e i loro valori: Study Of Man 115, Brametot 117, Almanzor 117, New Bay 119, The Grey Gatsby 119, Intello 121, Saonois 115.
Tanto per fare un confronto, Keep On Fly, vincitore del Derby Italiano G2 del 19 Maggio a Capannelle, è stato dotato di un 108 di RPR. Insomma, per tornare al top, bisogna migliorare ed anche tanto. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui