Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

martedì, febbraio 18, 2020

Allevamento: Chasedown nuovo ingresso in razza in Italia nel 2020. Ecco dove funzionerà

Nella foto Chasedown sul traguardo del D'Alessio G3.
Un nuovo arrivo nel panorama degli stalloni in Italia per il 2020, una notizia che vi diamo in anteprima esclusiva. Lo stayer Chasedown (Nathaniel) infatti sarà disponibile presso la struttura di Stefano Luciani in quel di Velletri per la stagione di monta 2020.
Una ricerca particolare, controtendenza rispetto alle dinamiche del mercato attuale, perchè Chasedown è una ricerca di classe, sostanza e magari una chiave anche ostacolistica, e non certo di precocità e velocità.
Chasedown è nato nel 2014 ed è un figlio di Nathaniel (Galileo), il papà di Enable, e Whipcla (Whipper) ma rappresentante di una delle migliori famiglie dello stud book italiano e che fa capo a Claba di San Jore (Barathea) da cui sono nati i vari Awelmarduk, Crackerjack King, Jakkalberry con quest'ultimo scomparso recentemente in Nuova Zelanda dopo che i suoi primi figli erano considerati bellissimi e molto promettenti. 
Chasedown ha chiuso la carriera in autunno dopo 17 corse disputate, 8 vittorie e 5 piazzamenti per circa €200,000. Nel suo palmares a 3 anni il Premio Roma Vecchia, il Premio U.N.I.R.E ed è stato poi secondo nel Premio Villa Borghese, terzo nel Premio Merano e nel Gran Premio D'Italia Lr. A 4 anni ha vinto il Premio Carlo d'Alessio G3 ed il Coppa d'Oro Lr. A 5 è stato secondo nel Gran Premio del Jockey Club G2.
Whipcla è sorellastra di mamma Claba, ora venduta in Inghilterra da qualche anno, ma che in razza non ha sbagliato un colpo e  proviene da una intuizione italiana quando nel 1965 Enrico Arcari, uomo di allevamento dall'intuito fine, acquistò per la Scuderia Alpina Crenelle (Crepello), la quinta madre di Crackerjack e i suoi fratelli. Una fattrice base per il nostro allevamento, un tesoro di qualità e che si è sviluppata in tanti piccoli rivoli. Uno di questi, Croda Rossa, venne esportata ma è ancora vitalissima a livello di gruppi; Croda Alta, che rimase in Italia per gli Zanocchio a livello di Pattern, è diventata un altro “sviluppo” della famiglia tenuto poi da alcune esponenti della Nuova Sbarra, oltre che dai Villa e Botti. E Chasedown è rimasto in Italia, dopo alcune trattative impostate anche per l'Irlanda, in accordo tra la famiglia Villa e la famiglia Luciani. Il tasso di monta sarà privato come comunicato dallo stesso Luciani. LA SCHEDA DI CHASEDOWN CLICCANDO QUI.

1 commento:

  1. bella genetica, carriera corsa direi non adatta per l'italia e solo vincitore di g3 italiano un po pochino, ma ora tutto va bene

    RispondiElimina

Commenta qui

Ricerca personalizzata