Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

venerdì, febbraio 21, 2020

Svolta storica nel mondo delle corse. Riviste le regole sull'uso della frusta, al centro c'è il benessere del cavallo

L'uso della frusta è diventato argomento prioritario nelle corse.
La Horse Welfare Board, una organizzazione indipendente compresa come ramo della British Horseracing Authority, le parti interessate nel mondo delle corse e la Racecourse Association, hanno pubblicato un piano quinquennale che tratta la materia del benessere animale per i cavalli da corsa. 
La strategia si concentra sull'ambizione che ogni cavallo allevato per correre dovrebbe condurre una vita ben vissuta, e i temi generali del piano sono la tracciabilità, la sicurezza e il benessere, la comunicazione e l'uso dei dati.
La frusta è un argomento di spicco nella strategia e si prevede da una parte un cambiamento nel modo in cui la frusta viene utilizzata, ma sottolinea che non si richiede la totale rimozione della frusta. La cosiddetta strategia chiede solo al BHA di rivedere le sanzioni per la violazione delle regole della frusta entro la fine di ottobre 2020, sottolineando la necessità di aumentare le sanzioni per le violazioni delle regole. 
Altro argomento centrale nella relazione è la necessità di far crescere le basi di dati del settore per quanto riguarda il benessere, e il consiglio chiede la creazione di un Database di benessere dei purosangue.
I progetti chiave che richiederanno la collaborazione dei power broker del settore in collaborazione con tutti i partecipanti includono una  tracciabilità migliorata incentrata sull'eliminazione di lacune e carenze nei dati; comunicazione dei requisiti di tracciabilità, eliminazione degli ostacoli alla tracciabilità e razionalizzazione dei processi; un'analisi del modello di finanziamento del welfare racing; una revisione di settori del settore attualmente non completamente soggetti alla piena regolamentazione BHA, come l'allevamento, la pre-formazione e le aste, per valutare i potenziali benefici di schemi di registrazione, codici di condotta, schemi di accreditamento o accordi di licenza; esame continuo dei pro e dei contro delle diverse pratiche di allevamento (naturale o artificiale); ulteriore sviluppo e applicazione del modello di rischio nelle corse ad osacoli; la continua raccolta e analisi dei dati relativi ai decessi legati alle corse che si verificano al di fuori dell'ippodromo; la continua raccolta e analisi dei dati sui farmaci e delle cartelle cliniche collegate a considerazioni di benessere generale e decessi correlati alle corse; revisioni di progetti di bancarelle e procedure di caricamento e ricerca a terra.
Il BHA Board ha accettato tutte le raccomandazioni del Horse Welfare Board e l'amministratore delegato del BHA Nick Rust ha dichiarato: "Io sono orgoglioso del lavoro già svolto dallo sport, incluso il nostro team di veterinari e funzionari, per dare ai nostri cavalli il meglio possibile qualità della vita. Il nostro record sportivo nel rendere le corse più sicure per cavalli e fantini è il risultato di molte persone che lavorano insieme per uno scopo comune. Il ruolo del BHA nell'autoregolamentazione delle corse è stato approvato dal Welfare Board come dal governo. Quando ho visto la portata delle ambizioni del Welfare Board, ero ancora più orgoglioso. Tutti gli interessati vogliono il meglio per i nostri cavalli. Vorremmo che più persone al di fuori del nostro sport comprendessero quanto mettiamo nel mantenere i cavalli al sicuro e permettendo loro di godere della qualità della vita che si accompagna all'essere un atleta equino. Sappiamo che il nostro sport è stato critico a volte perché non sembra che sia stato fatto abbastanza nel mondo delle corse. Sono fermamente convinto che la strategia ci offra una piattaforma per parlare di tutte le cose buone che facciamo con orgoglio e fiducia. Ecco perché è un momento fondamentale, un'opportunità per dimostrare che ci si può fidare di fare la cosa giusta per i nostri cavalli".
Maggie Carver, presidente della Racecourse Association, ha affermato: "vorrei congratularmi con l'Horse Welfare Board per aver prodotto un rapporto così completo e basato su prove. Questa evidenza mostra che ci sono aree in cui possiamo sforzarci di fare meglio e che c'è un'urgente necessità di rispondere ai cambiamenti nella società per mantenere le corse popolari. Ora tocca a tutti noi rispondere con piani positivi per il miglioramento e il cambiamento, non solo a breve termine ma in modo sostenibile negli anni a venire".
Nicholas Cooper, presidente dell'Associazione dei proprietari di cavalli da corsa, ha dichiarato: "Il principio fondante del Horse Welfare Board era di coinvolgere meglio la più vasta gamma di sezioni nell'industria delle corse in modo strutturato, al fine di consentire al nostro grande sport di avanzare gli standard di benessere per tutti i purosangue come nonché minimizzare, ove possibile, i rischi associati ai cavalli da corsa. La strategia proposta oggi è di enorme importanza e significato per l'industria delle corse e il consiglio di welfare dovrebbe essere congratulato per la consegna di un documento così completo e completo. Speriamo che l'intero sport ci sostenga e supporti la strategia e faccia la sua parte nella sua attuazione".

LA MATERIA è stata trattata anche in Italia nella trasmissione Ippica Domani, in particolare con le polemiche scatenate tra i guidatori al trotto.

1 commento:

  1. La reazione del cavallo è quella di accelerare se viene toccato dalla frusta una o due volte, ma se si danno molte frustate come 7/8 il cavallo riceve un imput contrario perchè' sforzrsi di piu se continuo ad essere picchiato? questo è un conoscimento etologico gia datato la frusta serve solo se usata con molta parsimonia

    RispondiElimina

Commenta qui

Ricerca personalizzata