Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

domenica, febbraio 02, 2020

Inghilterra: Crisi di pubblico negli ippodromi inglesi. Crollo presenze negli ultimi 4 anni..

Crisi di pubblico in Inghilterra
Se Atene piange, Sparta non ride. Tutti a dire: Eh, ma in Italia negli ippodromi non ci va più nessuno. 
I motivi sono molteplici, non solo addebitabili allo scarso spettacolo o alle strutture, ma è una tendenza globale che in Italia, ovviamente, si sente ancora di più. E allora la moda è quella di manzoniana memoria, di quelli che amano soprattutto evidenziare le debolezze del sistema, con il tipico "Dagli all'untore"! Tranquilli, ce li segniamo tutti. 
Detto questo, anche le corse britanniche sono alle prese con una tendenza al ribasso delle presenze dopo quattro anni consecutivi di numeri di pubblico in calo culminati nel 2019, restituendo un dato che racconta come il pubblico ha la media più bassa in questo secolo e oltre mezzo milione in calo dal numero totale dal 2015. A riportarlo è il Racing Post con un articolo che traduciamo per Vostra comprensione maggiore. 
Una storia simile nel 2018, quando la media è scesa sotto i 4.000 per la prima volta dal 2013, quando il clima estremo - dalla bestia dell'est a un'ondata di caldo estivo da record - e la storica semifinale della Coppa del mondo di calcio inglese sono stati accusati di aver contribuito a questo declino. 
Grafico presenze
Nei mesi scorsi un giornale aveva pubblicato le differenze di pubblico nella collina da qualche anno a questa parte il giorno del Derby di Epsom. Dato incontrovertibile e "normale" se consideriamo l'avvento portentoso delle tv e l'accessibilità di internet, che permette di vedere il nostro amato sport da mille angolature. 
Ma il decennio si è concluso con un ulteriore decremento rispetto al 2018, con la media tra gli ippodromi britannici fino a 3.898 da 1.443 meetings. Nel 2018, il numero medio di presenze è stato di 3.924 da 1.471 riunioni.
Il maggior numero di giornate annullate, inclusa l'interruzione di sei giorni durante la paura dell'influenza equina, è stato citato per un calo complessivo del numero di partecipanti alle corse britanniche l'anno scorso.
Un totale di 5,62 milioni di persone hanno partecipato alle giornate di corse nel 2019, in calo rispetto ai 5,77 milioni dei 12 mesi precedenti, il che era di per sé in calo rispetto ai 5,95 milioni del 2017, 5,99 milioni che sono passati attraverso i cancelli nel 2016 e 6,13 milioni nel 2015.
Le cifre del Levy Board rilasciate ad agosto hanno mostrato un aumento del 2% rispetto al 2018 nei primi sei mesi dell'anno. Questo grazie a più di 100.000 racegoers che hanno partecipato alle riunioni durante il fine settimana di Pasqua e alle maggiori presenze al Festival di Cheltenham e al due giorni di raduno "jamboree" ad Epsom per l'Investec Derby.
Anche la settimana dell'Ebor a York e il calendario del Ladbrokes Trophy a Newbury hanno aumentato le presenze nella seconda metà dell'anno, ma il soffio di un inizio così forte è stato attribuito alla perdita di incontri chiave nell'ultimo trimestre come il giorno di apertura dell'incontro di novembre di Cheltenham e il pomeriggio del Vertem Futurity Trophy di Doncaster.
"Penso che lo sport debba affrontare alcune sfide, ma al suo interno ci sono alcune opportunità", ha dichiarato Rod Street, amministratore delegato di Great British Racing (GBR), l'organo di marketing e promozione dello sport. "Dobbiamo essere realistici riguardo alle tendenze e non aspettarci che le cose cambino durante la notte. La prima fase deve essere quella di consolidare la posizione e rallentarla [la diminuzione delle presenze] o arrestarla, e la seconda fase è quella di generare la crescita. Ma non lo farai da un giorno all'altro, ci vorrà del tempo per correre di più profondamente nella coscienza pubblica ".
Spiegando il declino, Street ha aggiunto: "Lo sport in genere mantiene le sue dimensioni di mercato - se si osserva una tendenza più profonda da 10 a 20 anni - ciò che non sta facendo è in crescita ed è in aumento la concorrenza di molti altri sport e opzioni per il tempo libero. il pubblico ha più scelta che mai, soprattutto in estate. La sfida è che non stiamo attirando abbastanza nuove persone. Tutti i dati che abbiamo indicano il fatto che la consapevolezza non è il problema, il nostro pubblico target è consapevole dello sport, ma non abbastanza lo considera come parte della sua attività ricreativa annuale. Non c'è nulla di sbagliato nell'offerta principale delle corse: essendo il secondo sport più frequentato, ha chiaramente una serie di attività che sono attraenti per milioni di persone. Dobbiamo focalizzare l'attenzione dei nuovi consumatori su quelle risorse ".
Paul Swain, responsabile del marchio e dell'esperienza della Racecourse Association (RCA), ha dichiarato: "Siamo consapevoli del fatto che la tendenza è in calo, ma siamo ancora incoraggiati da alcune delle cose che vanno oltre quel numero e ne abbiamo alcune cose che possiamo fare per cercare di capovolgerlo. La nostra campagna per minori di 18 anni in collaborazione con GBR è stata un successo e stiamo esaminando altre campagne nazionali.
"Nel complesso non siamo troppo ottimisti, è frustrante che sia in calo, ma stiamo mantenendo la nostra quota di mercato come il secondo sport più seguito dietro il calcio. 5,62 milioni sono ancora molte persone".
In una dichiarazione David Armstrong, amministratore delegato della RCA, ha cercato di dare una svolta più positiva alla situazione e ha aggiunto: "Lo sport ha affrontato una serie di sfide nel 2019. Nonostante ciò, le corse britanniche sono tornate comodamente a il secondo sport più frequentato nel paese e dovremmo essere orgogliosi di aver accolto quest'anno oltre 5,6 milioni di persone nei nostri ippodromi ".

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata