STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 18 maggio 2014

California Chrome: Conquistate anche le Preakness Stakes, seconda gemma della triplice. Obiettivo Belmont Stakes..

È venuto, ha tossito, ha vinto. California Chrome (Lucky Pulpit), già vincitore del Kentucky Derby G1, ha replicato nella notte tra sabato e domenica riportando anche le Preakness Stakes G1 da $1,5 milioni a Pimlico (Baltimora) nel Maryland. Risolti i problemi alla gola che ne avevano contraddistinto la vigilia, il cavallo allenato da Art Sherman ha beneficiato di un perfetto percorso, pulitissimo, anzi uguale a quello del Kentucky Derby a dirla tutta, da parte di Victor Espinoza che ha fatto si di non trovare intralci o dare al suo una corsa difficile per vincere la sesta consecutiva ma soprattutto per far si che conservi le energie per cercare di sfatare un tabù che dura da troppi anni, ossia cercare di diventare il 12° cavallo nella storia ad afferrare la Triple Crown americana dopo Affirmed, l'ultima a vincerla nel 1978. Partito bene dal 3 si è assestato subito sui primi tenendo la destra ben libera e poco prima della dirittura è andato in gas, senza riscontrare cavalli particolarmente agguerriti..e forse questa è una generazione di cavalli non esattamente sopra le righe, a parte California chiaramente. IL VIDEO DELLE PREAKNESS STAKES CLICCANDO QUI.
Allevato in California, il figlio di Lucky Pulpit ha vinto facile battendo Ride On Curlin (Curlin) e Social Inclusion (Pioneerof The Nile) in 1m 54,84s. Il sogno si chiama ora Belmont Stakes G1, in programma il 7 Giugno prossimo a Belmont Park in Elmont, New York..Certo, 2400 sono un viaggio, ma provarci vale la pena...

1 commento:

  1. il mito americano esiste ancora per lo meno nell'ippica!! cavallo proletario allenatore con pochi effettivi ma risultati ai massimi livelli…l'ippica è grandiosa quando dimostra di dare queste possibilità !! fa riflettere

    RispondiElimina

Commenta qui