STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 21 ottobre 2018

San Siro: Raymond Tusk vola sul Jockey Club, Mission Boy svetta nel Gran Criterium. Call Me Love spaziale..

Nel Gran Premio del Jockey Club G2 bellissima lotta sin sul traguardo, ma a vincere è stato l'ospite inglese Raymond Tusk (High Chaparral), che grazie alla sua prorompente fisicità ha tenuto botta su Walsingham (Campanologist) e Night Music (Sea The Stars) che ha così perso l'imbattibilità a San Siro. Quarto, per la cronaca, Presley (Gladiatorus) mentre quinto, solo a titolo di commento, l'altro italiano andato in avanti Wiesenbach (Jukebox Jury).
Corsa abbastanza veloce nella prima parte, con il 3 anni che ha deciso di galoppare su una fascia larga rispetto allo steccato, ed in dirittura ha sciorinato una progressione produttiva senza mai permettere ai principali avversari di avvicinarsi, pur avendolo questi accerchiato, con un Jamie Spencer a dir la verità magistrale in sella. Il vincitore, che ha corso poco sinora in carriera con 7 uscite, è un portacolori della Middleham Park Racing che vinse questa corsa con Ventura Storm, poi venduto in Australia.
Prende il nome da un personaggio emblematico della serie Tv di successo in America House Of Cards, ha debuttato vincendo in Inghilterra ottenendo il primo successo in Stakes ad Hamilton in Listed e piazzandosi poi nelle Geoffrey Freer G3 di Newbury e provando il St Leger G1 giungendo sesto ma non correndo male alle spalle di Kew Gardens. Prodotto di una fattrice da Danehill, fu acquistato da Tim Palin ed i suoi soci per €85,000 alle aste di Arqana. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
ITALIANI IN FRANCIA: Da segnalare, in ottica Jockey Club G2, che due grandi assenti del pomeriggio di Milano ma poi rimasti in Francia, hanno avuto risultati altalenanti a Chantilly. Time Shanakill (Lord Shanakill) è giunto ottimo secondo nel Prix du Conseil de Paris G2, mentre il favorito Way To Paris (Champs Elysees) ha pagato le fatiche dell'Arc giungendo ultimo. IL VIDEO ED IL RISULTATO QUI.
IL RESTO DI SAN SIRO: L'apertura del pomeriggio è stato a dir poco stellare, ed è probabile che si sia vista una vera fuoriclasse. Call Me Love (Sea The Stars) ha mantenuto le aspettative conservando l'imbattibilità in 2 uscite collezionando subito il Campobello Lr sui 1800 contri i maschi, esagerando nelle lunghezze imbastite ai rivali e nella facilità d'azione, grazie alla quale si è liberata degli avversari dal centro della pista vincendo in maniera veramente impressionante. Al secondo posto è emerso all'epilogo The World Is Your (Ruler Of The World), con al terzo Armageddon (Le Vie Infinite). 
In sella alla vincitrice c'era Dario Vargiu, per la portacolori Effevi, figlia di Sea The Stars (Cape Cross) e Fresnay (Rainbow Quest), della famiglia di Field Of Hope molto qualitativa, acquistata alle October dello scorso anno per £82,000 da Felice Villa. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO QUI.
Nel Gran Criterium G2 altro imbattuto a segno in Mission Boy (Paco Boy), riuscito ad approfittare di un varco apertosi a Carlo Fiocchi, perfettamente interpretato, con 4 vittorie collezionate in altrettante uscite per il portacolori della Blueberry ancora allenato da Stefano Botti. La lotta per le piazze l'ha vinta il, tedesco Quest The Moon (Sea The Moon) per Sarah Steinberg, mentre il terzo è andato a Revelstoke (Toronado), con il quarto ad un ottimo Out of Time (Sakhee's Secret), che ha prodotto una buonissima accelerazione. Da segnalare la buonissima prestazione per il trascurato Frozen Juke (Frozen Power), quinto ma vicino dall'interno, al primo tentativo sulla curva.. Tutti e 5 sono arrivati molto vicini, ma Mission Boy con un balzo ha dimostrato di essere migliore degli avversari. 
Il vincitore ha una storia particolare. Acquistato per £3,000 alle Tattersalls di Febbraio, prodotto della fattrice Miss Mission (Second Empire), era andato in training da Marco Botti ma una frattura ne stava condizionando in maniera definitiva la carriera. Portato in Italia da Stefano Botti, dopo adeguate cure e periodo di relax, ha recuperato appieno il suo agonismo diventando un asset fondamentale per la famiglia Bezzera nella stagione 2018-2019. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui