STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 18 settembre 2017

Addio a Penny Chenery, mitica proprietaria del campione #Secretariat, il cavallo più forte al mondo. Aveva 95 anni

Nel mondo, ma soprattutto in America, ha fatto molto sensazione la notizia della scomparsa all'età di 95 anni di Helen Bates "Penny" Chenery, divenuta nota alle cronache come simbolo e prominente figura del galoppo americano in seguito all'esplosione di Secretariat, probabilmente il miglior cavallo della storia delle corse. Penny si è spenta serenamente circondata dall'affetto della famiglia, sebbene sia stato un ictus la causa della sua dipartita.
Sta di fatto, che divenne una vera e propria celebrità nel 1973 quando "Big Red", montato da Ron Turcotte ed allenato da Lucien Laurin, vinse una storia Triple Crown inanellando il Kentucky Derby a tempo di record, le Preakness e soprattutto una indimenticabile edizione delle Belmont Stakes, queste ultime risolte con il distacco record di 31 lunghezze, che le fecero guadagnare la prima pagina di quotidiani come Time, Newsweek e Sports Illustrated.
Insomma, è stata una vera e propria first lady dell'ippica ed insignita di vari titoli, dai più alti ai più popolari, tanto da ispirare anche un film prodotto dalla Walt Disney, bellissimo, che si chiama appunto Secretariat ed è ad oggi il film che meglio ha trasposto una storia ippica al cinema, ed è uscito nel 2010. Gli altri sono stati tutte brutte caricature, o quasi. Lo consigliamo vivamente, qualora non lo abbiate ancora visto. Addio first lady!

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui