STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 9 settembre 2017

Verso le Aste Selezionate SGA del 15 Settembre a La Maura: ALLEVAMENTO LUCIANI, una passione lunga 50 anni...

Proseguiamo il nostro cammino che ci porterà verso l'asta Selezionata SGA del 15 Settembre, attraverso i pareri e le considerazioni di alcuni degli elementi di spicco del nostro allevamento. Questa settimana è il turno di Stefano Luciani, nato e cresciuto con la passione ed il pallino dell’industria del purosangue e titolare di una delle famiglie più rappresentative del nostro galoppo che storicamente ha saputo dare al questo mondo sono solo cavalli di qualità ma anche cavalli cosiddetti “corsaioli”, utilissimi a tutte le cause. Stefano, che studia incroci anche di notte, tra l’altro nei giorni scorsi ha celebrato con un’altra perla il suo lavoro grazie alla vittoria di Hebah in Francia, vincitrice di una Listed per i colori di Hamdan Al Maktoum ed il training di Jean Claude Rouget. I complimenti in questo caso fanno il paio con la grande soddisfazione acquisita.
Cominciamo parlando in linea generale di quello che rappresenta un po’ il momento italiano a qualche giorno di distanza dalle aste: “Il catalogo di quest’anno rispecchia in qualche modo l’andamento dell’ippica italiana in fatto di allevamento. È un bel catalogo, ma si potrebbe fare di più. Ci sono pochi nati e dunque pochi cavalli che possiamo proporre come selezione ed attrattiva sul mercato. Credo si tratti di una diretta conseguenza dello smarrimento che stanno vivendo tutti gli operatori, in particolar modo gli allevatori, che hanno perso molta fiducia nei confronti dell’istituzione e per l’allevamento. So bene che un tipo di progettualità è necessario e si deve per forza appoggiare su una base quinquennale ma, venendo meno questo aspetto con annessa incertezza, i risultati sono meno soddisfacenti di quanto si possa fare ed i risultati parlano chiaro, negli ultimi anni abbiamo allevato fior di cavalli e gli esempi sono innumerevoli.
La realtà è che però intravedo comunque molta passione in chi ha continuato ad investire nonostante il regime di sofferenza che stiamo vivendo, e questi meriterebbero un monumento alla continuità. Ecco, ritengo che si debba ripartire da questa enorme passione tornando a dare fiducia anche ai piccoli allevatori che costituivano fino a qualche anno fa l’asse portante del nostro mondo, la colonna vertebrale, e ad incentivare il prodotto italiano perché nel rapporto qualità-prezzo non è assolutamente da meno a mercati più pompati ma nel concreto meno efficaci guardando i risultati. L’obiettivo dell’Anac credo sia proprio dare nuovo impulso per i più piccoli cosicchè tornino ad investire con conseguenza che si possa tornare a creare un mercato ed un relativo indotto che rappresenta poi l’oliatura di un ingranaggio perfetto. Abbiamo le competenze, un parco stalloni che si è di nuovo arricchito di nuove proposte di qualità, e certamente le capacità per risollevarsi, dunque ritengo sia sforzo necessario lottare fino in fondo per tornare ad avere quelle provvidenze che hanno reso grande l’allevamento. Esiste la qualità d’elite massima, ma esiste anche tutto il resto con tante piccole entità che fanno grande un settore, e ritengo sia una componente fondamentale per restituire sostengo e fiducia a chi investe. Noi siamo al momento in una via di mezzo, un ibrido, un contenitore di qualità ma relativa. In questo caso l’allevamento non va solo preservato, ma va soprattutto salvato. 
E per questo i premi aggiunti al 60% sono una bella conquista, intanto. Io sono dell’idea che questo 60% debba essere distribuito anche e soprattutto verso il basso, specialmente a 2 anni. Perché è l’unica cosa che può dare impulso allo sviluppo del mercato del cavallo italiano, oggi molto sofferente. Quel tipo di mercato soffre troppo e dunque bisogna dare chance anche a chi alleva poco numericamente, e non può permettersi di spendere cifre alte all’estero per gli stalloni, per far si che il cliente finale non vada all’estero ma acquisti cavalli italiani, che poi vincono le corse, con conseguente valorizzazione anche dei figli degli stalloni italiani. Un allenatore, un proprietario, deve sapere di poter aver a disposizione anche dei vantaggi “domestici”, perché tutto ciò incentiva un sistema che può tornare così a crescere. Detto questo penso, anzi sono convinto, che questo sia l’ennesimo anno di transizione, ma la finalità dell’Associazione che si è costituita da poco, deve essere perseguita per forza di cose in questa direzione per rilanciare ed incentivare il nostro prodotto. Detto questo, è un momento storico in cui non è utile fare guerre e a tal proposito mi sono speso molto, pur non riuscendovi, a tentare una riconciliazione tra SGA ed ITS che credo sia necessaria. Fare fronte comune, in ogni ambito, è esercizio utile e necessario. Spero si possa raggiungere un giorno un accordo ed un ritorno all’antico e spero che tornino anche acquirenti dall’estero per apprezzare al meglio il nostro prodotto
Parliamo un po’ nel dettaglio anche dei cavalli che presenterai alle aste: “Ho iscritto tre cavalli e sono tutti molto belli. Due sono figli di Blu Constellation in cui credo molto e non solo perché l’ho allevato io. Lui è stato un campione vero, un Cavallo con la “C” maiuscola fermato solo da un virus. Ma a 2 anni ha fatto vedere di cosa era capace vincendo in quel modo il Criterium de Maisons-Laffitte G2 per 6 lunghezze. Uno dei suoi figli è il Lot 71, un maschio prodotto di Arsita (Altieri) che è consanguineo di Arrivederci buonissima a 2 anni ed è molto equilibrato e corretto. L'altro è il Lot 92, un altro maschio, nato presto, fratellastro di Max And Ruby. Non enorme nel fisico ma con bei punti di forza da sviluppare. Poi propongo il Lot 77, una femmina nata a Febbraio che è una Gladiatorus molto bella nel fisico che ripete nell'incrocio la buonissima Cassina de Pomm con inserti di Blushing Groom, è davvero una bella cavalla".
Appuntamento a La Maura il 15 Settembre, allora!

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui