STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 8 settembre 2017

#Irlanda, il paese dell'ippica. Secondo uno studio #Deloitte è la nazione con il maggiore impatto sull'economia generale

Quando si dice che l'ippica è una risorsa, ci riferiamo proprio a quello che leggerete nelle prossime righe qui sotto. Ieri è stato reso noto uno studio portato avanti da Deloitte in riferimento all'impatto in Irlanda delle corse dei cavalli. Sono circa 2 miliardi di euro generati dagli allevamenti e dal reparto corse in Irlanda, come risultato fondamentale di questo studio che in più ha rilevato come circa 29,000 sono i posti di lavoro sostenuti dall'industria che annualmente per le esportazioni genera anche 370 milioni di euro. L'allevamento e le corse, si sa, hanno un ruolo fondamentale nell'economia rurale dell'Irlanda fornendo un'importante ruolo occupazionale sia come core business in se e per sia, sia come indotto nei ruoli direttamente collegati, inclusi quelli della scienza equina e veterinaria, mascalcia, trasporti di cavalli, mangimi etc. 
Considerato che la popolazione, secondo l'ultimo censimento, dell'Irlanda è di 4 761 865 persone, è facile capire come siano numeri alti quelli di cui vi parliamo rispetto per esempio all'Italia che ha circa 60 milioni di abitanti e generava, quando i tempi erano belli, movimento per circa 50,000 persone.
Altri tempi, però.. In Irlanda più di 7.000 sono gli abitanti che hanno un coinvolgimento nella proprietà dei cavalli e il 25% degli stessi hanno comunque interesse per le corse e lo ritiene parte fondamentale della cultura del paese..
Lo studio dice che il valore di quasi 200 milioni di euro è stato generato dalla vendita in asta di cavalli da corsa all'estero, poi ci sono da mettere in conto i tassi di monta per gli stalloni, spese di mantenimento che generano un valore, in esportazioni effettive, e si arriva ad oltre 370 milioni di euro, un numero più grande di molte altre forme di agricoltura. Lo studio valuta che oltre 330 milioni di euro sono stati anche investiti in strutture ed infrastrutture per l'allevamento e corse, e quasi 100 milioni di euro dagli ippodromi con un programma già definito e sostanziale di investimenti in corso. L'industria dell'allevamento e delle corse nell'Irlanda del Nord è stimato per generare circa 32 milioni di sterline di spese dirette e indirette, guidato dai suoi due ippodromi e dalla rete di allenatori ed allevatori. Così vicini, così lontani.
Il rapporto completo può essere scaricato sul sito www.hri.ie.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui