STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 21 ottobre 2017

Ascot: Order Of St George all'ultimo tuffo della Long Distance Cup, Librisa Breeze a sorpresa nel Champion Sprint

Il Champions Day si è aperto con la Qipco British Champions Long Distance Cup G2 sul doppio miglio, risolto all'ultimo tuffo da Order Of St George (Galileo), favorito e recente quarto nell'Arc de Triomphe G1, che ha avuto necessità di tutta la dirittura di Ascot per affermarsi ed andare a riprendere Torcedor (Fastnet Rock) che ad un certo punto sembrava essere sfuggito! Terzo è giunto Stradivarius (Sea the Stars). Male Big Orange (Duke Of Marmalade), battuto a palo lontano. Si tratta di un'altra perla da parte di Ryan Moore con un cavallo particolare, e la settima vittoria in questa corsa per Aidan O'Brien.
Il suo palmares parla ora di un 2 Irish St Leger vinti a 3 e 5 anni, 1 Gold Cup G1 e 2 piazzamenti nell'Arc de Triomphe G1. IL VIDEO QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Nella prova per i velocisti, le Qipco British Champions Sprint Stakes, ennesimo colpo tra i velocisti per il grigio Librisa Breeze (Mount Nelson) che alla fine ha avuto la meglio, in un finale vibrante, di Tasleet (Showcasing) e Caravaggio (Scat Daddy), mentre non è riuscito a vincere ancora ad Ascot il favorito Harry Angel (Dark Angel), partito anche impennandosi. 
Librisa Breeze è un cavallo di proprietà del pokerista Tony Bloom, allenato da Dean Ivory e montato da Robert Winston, che finora non aveva mai trovato fortuna nelle prove di Gruppo ma era giunto al massimo secondo nelle Hungerford Stakes G2. Come i migliori velocisti è migliorato con il tempo ma forse non ha detto ancora tutto di se. Sta di fatto che a 5 anni è arrivata la vittoria in G1. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui