Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

mercoledì, giugno 10, 2020

Riapertura agenzie scommesse? Non arriva ancora l’ok del governo, e nel frattempo cresce l’online. Ecco le linee guida per le riaperture eventuali

Nella foto, la manifestazione di protesta a Piazza del Popolo delle sale gioco.
Quando riaprono le agenzie di scommesse? Bella domanda. Come pubblicato da Agipronews, la Conferenza delle Regioni ieri ha approvato le linee guida per la riapertura delle agenzie di scommesse e delle sale slot a partire dal 15 Giugno.
Le stesse dovranno essere recepite dal Governo in un nuovo DPCM del premier Giuseppe Conte previsto per i prossimi giorni, e diventare così operative con la ripartenza di agenzie e sale. A tal proposito nei giorni scorsi c'è stata una manifestazione a Piazza del Popolo, organizzata da molte sigle sindacali e non solo del settore giochi per sollecitare la riapertura delle attività. Il settore delle scommesse sportive è stato infatti uno tra più duramente colpiti dalla pandemia da Covid-19. Con la sospensione di tutte le competizioni sportive più importanti, il mercato del gioco d’azzardo ha subito un drastico calo di circa il 90% dei propri guadagni.
Nemmeno l'ingresso dell’Italia nella famigerata Fase 2 ha portato ad una riapertura del comparto: nel nostro Paese non è stata ancora annunciata infatti una data precisa per una possibile ripartenza “terrestre” di slot, scommesse e bingo.

L’emergenza coronavirus sta così progressivamente affondando i gestori delle agenzie di scommesse sportive. L’ostacolo più grande alla riapertura sembra essere la difficoltà oggettiva delle sale scommesse nell’evitare assembramenti e mantenere le distanze di sicurezza.

Punto Snai

Di conseguenza a beneficiarne sono le scommesse sportive online. Anche l’abituale scommettitore d’agenzia infatti sarà costretto nelle prossime settimane a aprire un conto gioco online per poter continuare a giocare. Per chi è alle prime armi con le scommesse sportive online è consigliabile consultare prima di scommettere i siti di comparazione

Di seguito il comunicato completo
«I gestori dovranno riorganizzare gli spazi e la dislocazione delle apparecchiature per garantire l’accesso in modo ordinato, al fine di evitare assembramenti di persone e di assicurare il mantenimento di almeno 1 metro di separazione tra gli utenti, ad eccezione delle persone che, in base alle disposizioni vigenti, non siano soggette al distanziamento interpersonale; detto ultimo aspetto afferisce alla responsabilità individuale».

«Il gestore è tenuto, in ragione delle aree a disposizione, a calcolare e a gestire le entrate dei clienti in tutte le aree (comprese le aree distributori di bevande e/o snack, ecc) per evitare assembramenti, come indicato al punto precedente. Il personale di servizio deve utilizzare la mascherina e deve procedere ad una frequente igienizzazione delle mani. La postazione dedicata alla cassa può essere dotata di barriere fisiche (es. schermi); in alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione gel igienizzante per le mani. In ogni caso, favorire modalità di pagamento elettroniche».

«Si dovrà dotare il locale di dispenser con soluzioni igienizzanti per l’igiene delle mani dei clienti in punti ben visibili all’entrata, prevedendo l’obbligo di frizionarsi le mani già in entrata, e prevedere la collocazione di dispenser in vari punti del locale in modo da favorire da parte dei frequentatori l’igiene delle mani. I clienti dovranno indossare la mascherina e, dopo l’utilizzo da parte di ogni singolo soggetto, è necessario assicurare pulizia e disinfezione delle superfici dei giochi a contatto con le mani. Le apparecchiature che non possono essere pulite e disinfettate non devono essere usate e «non possono essere usati i giochi a uso collettivo in cui non sia possibile il distanziamento interpersonale di almeno 1 metro».

«Bisognerà favorire il ricambio d’aria negli ambienti interni. In ragione dell’affollamento e del tempo di permanenza degli occupanti, dovrà essere verificata l’efficacia degli impianti al fine di garantire l’adeguatezza delle portate di aria esterna secondo le normative vigenti. In ogni caso, l’affollamento deve essere correlato alle portate effettive di aria esterna. Per gli impianti di condizionamento, è obbligatorio, se tecnicamente possibile, escludere totalmente la funzione di ricircolo dell’aria. In ogni caso vanno rafforzate ulteriormente le misure per il ricambio d’aria naturale e/o attraverso l’impianto, e va garantita la pulizia, ad impianto fermo, dei filtri dell’aria di ricircolo per mantenere i livelli di filtrazione/rimozione adeguati. Se tecnicamente possibile, va aumentata la capacità filtrante del ricircolo, sostituendo i filtri esistenti con filtri di classe superiore, garantendo il mantenimento delle portate. Nei servizi igienici va mantenuto in funzione continuata l’estrattore d’aria».

3 commenti:

  1. Le sale giochi in toscana possono riaprire a partire dela 13 giugno. E’ quanto prevede la nuova ordinanza firmata oggi dal presidente Rossi.

    fonte Jamma.tv

    RispondiElimina
  2. Speriamo ho 300 euro di biglietti da riscuotere dal giorno che hanno chiuso

    RispondiElimina
  3. Speriamo ho 300 euro da riscuotere dal giorno di chiusura

    RispondiElimina

Commenta qui

Ricerca personalizzata