Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

mercoledì, luglio 31, 2019

Allevamento: Addio a Natagora. La campionessa francese, Classica in terra inglese, aveva 14 anni

Il mondo dell'allevamento ha perso un altro pezzo pregiato. La campionessa grigia Natagora (Divine Light), è deceduta a 14 anni a causa di una improvvisa malattia che ne ha reso necessaria l'eutanasia.
La vincitrice Classica faceva parte della broodmare band di Shadwell, acquistata da Hamdan Al Maktoum alla fine della carriera di corse.
Agonisticamente, nata nel 2005, aveva cominciato ad essere subito precoce. Acquistata per €30,000 ad Arqana, era figlia dello stallone giapponese Divine Light (Sunday Silence) e Reinamixa (Linamix), dalla quale ha preso il mantello.

Di proprietà di Stefan Friborg, allenata da Pascal Bary ha vinto subito il Prix La Fleche Lr, il Prix du Bois G3 ed il Prix Robert Papin G2, battendo l'italiana Magritte, prima di arrivare a raggiungere al massimo livello vincendo le Cheveley Park Stakes G1 con la monta di Christophe Lemaire. Nello stesso anno finì seconda di Myboycharlie nel Prix Morny G1. 
A 3 anni 2 vittorie consecutive nell'Imprudence G3 e poi nelle 1000 Ghinee inglesi, e quella è stata la sua ultima vittoria della carriera. Ha affrontato i maschi del Prix du Jockey Club G1 perdendo da Vision D'Etat e Famous Name, e poi si è piazzata ancora nel Prix Rothschild alle spalle di Goldikova, nel Prix Jacques le Marois alle spalle di Tamayuz, e nel Prix de la Foret, alle spalle di Paco Boy.
Acquistata alla fine della carriera di corse da Shadwell ha prodotto 3 vincitori quali Rayaheen (Nayef), questa poi madre di Tajaanus vincitore di G3. Raaqy (Dubawi), con un piazzamento in black type, e Mankib (by Tamayuz), vincitore di Listed.
In totale Natagora ha vinto 7 delle 15 cose disputate, finendo non piazzata in sole 2 occasioni, raggranellando la cifra di £800,000.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata