STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 20 luglio 2019

Irlanda: Frankie Dettori e Star Catcher, volo nelle Irish Oaks da un capo all'altro. 8° G1 in stagione per Frankie. Delusione O'Brien..

Che te lo dico a fare. Frankie Dettori, con un'alta delle sue "master ride", ha portato a casa e messo in bacheca la sua quinta edizione delle Oaks irlandesi, quest'anno sponsorizzate da Kerrygold, sul miglio e mezzo del Curragh, in un impianto che sta creando non poche polemiche agli organizzatori per il costo sostenuto (€85 milioni), a cui ne vanno aggiunti altri per una migliore organizzazione. 
Ma questa è un'altra storia, perchè chi non sbaglia una mossa è proprio il jockey italiano che, a 2 anni di distanza da Enable, ha catapultato sul traguardo irlandese la cavalla inglese Star Catcher (Sea The Stars), supplementata al costo di €40,000, in una corsa dal montepremi di €400,000, che ha fatto tutto, suonando e cantando, da un capo all'altro. Star Catcher è stata valutata 113, 4 punti in più rispetto al 109 del Royal Ascot, che era 10 punti superiori alla precedente ancora. Una crescita costante...
O almeno, le è stato concesso perchè nessuno ha infastidito Frankie, andato in avanti a cucire una corsa su misura per se, e respingendo tutta strada Fleeting (Zoffany) con la favorita Pink Dogwood (Camelot) al terzo, rimasta in quota ma senza dare l'idea di essere pericolosa quanto la compagna arrivata seconda, con qualcosa da recriminare. Male, malissimo, Iridessa (Ruler Of The World), che era stata anche abbandonata dal betting, mentre un paio di freccione in su per Star Catcher che, dopo la vittoria nelle Ribblesdale G2 al Royal Ascot è migliorata ancora, ma in una generazione che non sembra avere, ancora una volta, un vero e proprio leader.
Ci si chiede, al netto della corsa, cosa ci stava a fare Peach Tree (Galileo) per fare poi lasciar fare tutto ad uno come Dettori che, se libero di inventare in avanti, non concede mai nulla.
La vincitrice, allenata da Gosden appunto, è portacolori di Anthony Oppheneimer, acquistata ufficialmente alle Tattersalls Foals di Dicembre per £240,000, si tratta di una "recompra", ma figlia di quella Lynnwood Chase (Horse Chetsnut), figlia di uno stallone sudafricano, e madre dei buonissimi Cannock Chase e Pisco Sour, e di altri 2 prodotti dall'incrocio con Lemon Drop Kid (Kingmambo). Pagina catalogo QUI. Per Gosden era la terza vittoria in questa corsa dopo Great Heavens nel 2012 e Enable nel 2017, mentre per Dettori era la quinta dopo Lailani (2001), Vintage Tipple (2003), Blue Bunting (2011) e Enable nel 2017. Per Frankie, quest'anno, un momento d'oro con 8 vittorie al massimo livello nelle Irish Oaks, Jean Prat, Eclipse Stakes, Grand Prix de Saint-Cloud, Commonwealth Cup, Gold Cup, Prince Of Wales's Stakes, Oaks. Un gigante.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui