STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

giovedì 4 maggio 2017

Mondo del Turf: Ad Ascot 3 Stakes trial per Royal Ascot. Blue Point fa il record sui 1200, Kaspersky quinto in Listed

Il mercoledì pomeriggio che abbiamo vissuto non è stato affatto ordinario, in giro per l'Europa e non solo. Ad Ascot sono andate in scena tre corse Stakes di cui riferiamo. La prima che menzioniamo sono le Paradise Stakes Lr sul miglio in pista dritta dove si rivedeva all'opera l'italian bred Kaspersky (Footstepsinthesand), alla prima uscita per Jane Chapple Hyam ed i colori di Ernest Clarke & Mrs Ronda Clarke, ma il champion miler italiano non è andato oltre ad un quinto posto, risucchiato dal gruppo dopo aver comandato dall'inizio della corsa. Kaspersky, ex Nuova Sbarra, aveva il rating più alto della corsa insieme con Mondialiste (Galileo), giunto sesto, ed è arrivato a quattro lunghezze e mezzo da Tabarrak (Acclamation) che era rientrato bene dopo la sosta di un anno e la castrazione. IL VIDEO QUI
Sicuramente interessanti sono state le Pavilion Stakes Lr sui 1200 metri dove a vincere è stato il 3 anni Blue Point (Shamardal) che spinge dunque così la forma di Churchill (Galileo) sabato prossimo nelle 2000 Ghinee. Blue Point ha realizzato il record della pista in 1m 11.05s (fast by 1.55s) battendo Harry Angel (Dark Angel) e si candida così ad un ruolo di primo piano nella Commonwealth Cup G1 del Royal Ascot per soli 3 anni su tracciato e distanza. Blue Point lo scorso anno aveva vinto le Gimcrack Stakes G2 ed era stato secondo nelle Middle Park G1 e terzo nelle Dewhurst Stakes G1 di Churchill, appunto. Possiede iscrizioni alle 2000 Ghinee irlandesi, ma come detto punterà al tema della velocità. VIDEO QUI.
Per gli stayes c'erano le Sagaro Stakes G3 sulle due miglia, vinte da Sweet Selection (Stimulation) che ora punterà alla Gold Cup di Ascot. In sella al cavallo di Hughie Morrison c'era Silvestre De Sousa, autore di un triplo in giornata. VIDEO QUI.
Intanto in Inghilterra sono stati resi noti i rimasti per le Lockinge Stakes G1 di sabato 20 Maggio a Newbury. Confermati i grossi calibri quali Minding (Galileo), Ribchester (Iffraaj), Galileo Gold (Paco Boy) ed altri 18 concorrenti tra cui anche Dicton (Lawman), di ritorno da Hong Kong. 
Nel resto del pomeriggio di ieri a Yarmouth ha vinto The Grand Visir (Frankel e Piping da Montjeu), per Willy Haggas e con Ryan Moore a bordo, in uno stile che promette qualcosa di buono. Si tratta di un cavallo allevato dalla Qatar Bloodstock, venduto per €750,000 alle Arqana di Agosto ed acquistato da Saleh Al Homaizi & Imad Al Sagar. In un'altra maiden, per femmine, ha vinto tale Present Tense (Bated Breath) alla seconda uscita in carriera. Si tratta di una homebred di Juddmonte allenata da John Gosden che alla voce note particolari scrive di essere sorellastra del campione Kingman (Invincible Spirit), tramite la mamma Zenda (Zamindar). 
A proposito di fratelli e sorelle famose, a Chantilly buona la terza per Terre (Motivator), sorella piena della campionessa Treve che ha vinto per l'Haras du Quesnay e Criquette Head una maiden sui 2000 metri.
Concludendo il nostro giro per il mondo ideale, da segnalare la doppietta di Umberto Rispoli mercoledì pomeriggio ad Hong Kong presso l'ippodromo di Happy Valley. Per il jockey italiano bella forma ritrovata dopo il fastidioso infortunio che lo ha tenuto lontano dalla migliore condizione per un pò. Insomma, Umbertino ha iniziato ad ingranare...

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui