STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 13 maggio 2017

#Chester, day 3: Cliffs Of Moher in lungo anticipo nelle Dee Stakes, Western Hymn e Dettori vincono le Ormonde Stakes

Chiudiamo il day 3 del May Festival di Chester con quello che è accaduto nelle Ormonde Stakes (VIDEO QUI) e nelle Dee Stakes. La prova per gli stayer ha visto la vittoria del John Gosden Western Hymn (High Chaparral) grazie ad una monta decisa di Frankie Dettori che ha negato il dominio assoluto in questi giorni per Aidan O'Brien e mettendo sotto scacco US Army Ranger (Galileo) che ad un certo punto sembrava totale padrone  della contesa.  Western Hymn, 6 anni, è un cavallo davvero difficilissimo e per riuscire a domarne le velleità non basta un fantino qualunque. Comunque, vittoria in G3 per un cavallo non campione ma progressivo certamente. Terzo è arrivato Duretto (Manduro), prodotto della fattrice italiana Landinium (Lando), così per dire. 
Aidan O'Brien, comunque, poteva già dirsi soddisfatto di quanto ottenuto in questi 3 giorni: Sua la vittoria anche nelle Dee Stakes G3 sui 2000 metri (VIDEO QUI) con l'interessantissimo Cliffs Of Moher (Galileo), sceso dopo questa vittoria nell'antepost per il Derby da 9/1 a 6/1. Il baio ha seguito l'andatura e poi, come successo in tutto il meeting e come si deve fare a Chester, ha allungato a palo lontano ed anticipato, quindi battuto, il Godolphin Bay Of Poets (Lope De Vega) con Max Zorin, da battistrada, al terzo. Ryan Moore in sella al cavallo "svegliato" dal torpore dell'inverno, e dunque in completo divenire. A 2 anni aveva debuttato con un brutto np, ma poi aveva vinto una maiden sui 1400 metri a Leopardstown battendo di 5 l'altro interessante O'Brien Orderofthegarter (Galileo). Insomma, in questi 3 giorni, chi vi è piaciuto di più? 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui