STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 20 maggio 2019

Capannelle: Keep On Fly e Cristian Demuro recuperone e volo sul 136^ Derby Italiano, beffato Mission Boy

Come Van Gogh amava disegnare girasoli, Cristian Demuro ama vincere il Derby Italiano. Si, insomma, il paradigma può sembrare in qualche modo forzato ma rende l'idea di come una corsa ed un fantino molto spesso, almeno negli ultimi anni, siano strettamente correlati. 
Il "sorcio" ha vinto il 136^ Derby Italiano Sisal Matchpoint in sella a Keep On Fly (Rip Van Winkle) venendo a capo di una corsa che era diventata complicatissima e solo grazie al gran mulinare di braccia, sostenendo il suo fino in fondo, credendoci fino alla fine come pochi avrebbero fatto per venire a fare lo scalpo di Mission Boy (Paco Boy), che sembrava averla risolta da lontano, e con al terzo posto la femmina Call Me Love (Sea The Stars) che ha perso l'imbattibilità e non è riuscito a sfatare il mito di Andreina che dura da 83 anni, e che bisognerà attendere per l'84° almeno. Altro 1-2-3, almeno il quarto in 7 anni, per Alduino e Stefano Botti al training.
Pochi ci credevano e tra questi il jockey classe 1992 che ha spinto, spinto, spinto ed alla fine ha ottenuto il suo terzo Derby consecutivo, il quarto in 5 anni, con un cavallo che non partiva favorito e sul quale non tutti erano disposti a crederci. Il Derby, o in generale le corse importanti per i 3 anni, sono così. All'improvviso si sboccia e si arriva chissà dove.
Keep On Fly, che si era tolto la qualifica di maiden a Milano nell'ultima uscita in occasione del Lodi Vecchio e grazie al paraocchi, ha siglato rinvenendo da lontano su un terreno da molti jockey definito "estremo". 
In avanti c'era andata la bulgara Irish Girl (Burwaaz), che però agli 800 dal palo ha alzato bandiera bianca lasciando il via libera a Mission Boy, Call Me Love e Frozen Juke che a suon di bordate e scatti secchi se le sono date di santa ragione. La prima battaglia, ma non la guerra, l'ha vinta Carlo Fiocchi su Mission Boy che passato presto si è involato verso il palo, prima di venire castigato proprio nelle fasi finali di gara. 
In molti hanno addebitato la sconfitta di Mission Boy alla scelta di Carlo Fiocchi di anticipare, ma in realtà secondo la nostra prospettiva tattica il jockey romano è passato presto anticipando sia perchè ad un certo punto son venuti a mancare i riferimenti su quel terreno pesante, e poi perchè anticipando e strappando, su un terreno che consentiva pochi recuperi, si voleva mettere al riparo da recuperi e affondi tardivi. In parte c'era riuscito, ma ha perso da un cavallo progressivo, che fa tanti metri, agevolato dal terreno, e con in sella un jockey che non molla mai un centimetro quadro, sempre con il traguardo fissato in testa.
Il Derby degli altri battuti è stato questo: Call Me Love ha pagato anche una deviazione, ritenuta non pregiudizievole dai commissari, da parte di Mission Boy. Frozen Juke (Frozen Power) ci ha provato in mille modi ma alla fine ha pagato un pò la distanza ed il terreno, ma si è dimostrato cavallo fortissimo. Agente Segreto (Mastercraftsman) così come è partito è arrivato, dimostrando di essere pronto ma non del tutto a certi contesti, ma migliorerà, mentre Trita Sass (Pounced) ha provato ad ingaggiare duello con i primi, passando presto, facendo perno sul terreno, ma alla fine si è ritratto lasciando via libera agli altri. Quanto alla bulgara Irish Girl, partita bene si è successivamente inabissata ma il suo interprete Djordje Perovic ha raccontato di come sia una cavalla prettamente da miglio. Il tempo finale della corsa è stato di 2m 22.50s. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Vale la pena sottolineare la valutazione del nostro Derby dal Racing Post apparsa poco dopo la disputa, che ha fatto registrare un buon 108 di RPR, da rivedere in chiave futura. 
Keep On Fly, nato in Maggio, ha debuttato con un secondo posto dietro ad Elisa Again in una maiden di Novembre a San Siro. Rientrato con un terzo alle spalle di Jighen ed Agente Segreto in pista media, ha perso di nuovo da quest'ultimo sempre in pista media in una maiden dimostrando di essere acerbo e bisognoso di metri. Difatti, nella penultima, l'esplosione grazie anche al paraocchi ed una affermazione di ben 10 lunghezze, che ha chiamato la chance nel Derby ed il successivo ingaggio di Cristian Demuro.
Keep On Fly è un figlio di Rip Van Winkle (Galileo), allevato da Roberto Brogi ed ora stallone confinato in Nuova Zelanda presso il Windsor Park Stud al tasso di monta di $12,000, e la buona So Many Shots (Duke Of Marmalade), terza di Oaks G2 e vincitrice di Premio Mario Incisa G3. La famiglia femminile è quella che conosciamo tutti. La seconda mamma è Cland Di San Jore (Lando) sorellastra di Claba Di San Jore (Barathea), la mamma degli eroi classici Crackerjack King (Shamardal) e Awelmarduk (Almutawakel), senza dimenticare ovviamente Jakkalberry. So Many Shots ha una 2 anni femmina da Australia.




Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui