STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

sabato 4 maggio 2019

Newmarket: Magna Grecia trionfa nelle 2000 Ghinee! Decima nella Classica per Aidan O'Brien

Alla fine gli scommettitori avevano scelto l'altro di Coolmore, ma a risolvere la prima Classica inglese è stato Magna Grecia (Invincible Spirit) il quale ha regalato, direttamente al rientro, la "stelletta" per la 10° vittoria nelle Qipco 2000 Guineas Stakes (Group 1) (British Champions Series) (Colts & Fillies) (Class 1) (3yo) nel palmares di Aidan O'Brien. E non solo, anche la terza consecutiva dopo Churchill e Saxon Warrior
Il figlio di Invincible Spirit (Green Desert), con in sella Donnacha O'Brien, dal 17 di steccato, nella parte più veloce della pista, ha seguito la scia di quelli verso le tribune con una andatura regolare sostenuta da Shine So Bright (Oasis Dream) e trascinandosi l'outsiderone King Of Change (Farhh) che non l'ha perso mai di vista lungo tutto il tracciato, vincendo piuttosto nettamente. Lo steccato dunque, sempre più determinante ai fini del risultato.
Dall'altra parte del Rowley Mile il resto del gruppone, ma quando siamo giunti ai 400 dal palo e si è cominciato ad ingranare, quello con l'azione migliore è stato proprio Magna Grecia che si è liberato dei rivali ed ha vinto nettamente, portandosi dietro per la piazza il cavallo di Richard Hannon Jr che aveva una quota eventuale di 80/1, mentre per il terzo si è dovuto guardare allo steccato "basso" con Skardu (Shamardal) che ha infilzato Ten Sovereigns (No Nay Never), incapace di tenere tutta la distanza, calato negli ultimi 100 metri, forse nella parte sbagliata del tracciato, e risucchiato anche dal quarto arrivato, l'irlandese Madhmoon (Dawn Approach) finito fortissimo dopo che l'andatura da quella parte l'aveva fatta Emaraaty Ana (Shamardal).
Il tempo finale è stato di 1m 36.84s (slow by 1.84s). IL RISULTATO COMPLETO CLICCANDO QUI.
Il vincitore è un portacolori di Magnier, Derrick e Smith, con in più la partecipazione della Flaxman Stables, che sarebbe la succursale irlandese della famiglia Niarchos. Prodotto della fattrice Cabaret (Galileo), è stato acquistato per la cifra di £340,000 alle Tattersalls December Foal Sale 2016. In carriera ha vinto 3 delle 4 corse disputate, tra cui il Futurity Trophy G1 a Doncaster sul miglio, mentre l'unica sconfitta patita in carriera è stata a favore di Persian King (Kingman) che correrà le Poules francesi per Andre Fabre.
Il secondo arrivato, King Of Change (Farhh) è una sorpresona anche se Richard Hannon non è nuovo a questi colpi. Si tratta di un cavallo che a 2 anni ha corso 2 volte ed arrivando secondo in entrambe le occasioni. Rientrato vincendo a Nottingham in una Novice, è stato gettato nella mischia e per poco non scappava il colpone.




Da segnalare in giornata anche le Roaring Lion Jockey Club Stakes (Group 2) dove c'è stata la grossa delusione Coronet (Dubawi) arrivata solo 4° al rientro, dopo una stagione nella quale aveva solo sfiorato la vittoria al massimo livello. La cavalla di John Gosden ha ceduto ad una corsa molto tattica imbastita da Silvestre De Sousa in sella al cresciutissimo Communique (Casamento) per Mark Johnston, miglioratissimo nell'occasione e arrivato davanti a Mildenberger (Teofilo), il "capitano" dei 2 di Sheikh Hamdan bin Mohammed Al Maktoum.. Secondo l'altro atteso Defoe (Dalakhani). IL RISULTATO COMPLETO QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui