STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

domenica 30 aprile 2017

Hong Kong: #Neorealism ed un pazzesco Joao Moreira vincono la Audemars Piguet QE II Cup, solo 7° Dicton

L'ha vinta Joao Moreira. Attualmente, senza aver timore di errare, è il fantino più forte in circolazione, nel mondo. Il jockey brasiliano ha preso il pennello e dipinto una tattica perfetta per vincere in sella al giapponese Neorealism (Neo Universe) la Audemars Piguet QE II G1 sui 2000 metri di Sha Tin, grazie ad una manovra che ricorda molto quella di Mirco Demuro nella famosa Dubai World Cup G1 di Victoire Pisa. Si, perchè The United States (Galileo) dopo aver preso iniziativa, ha cercato di addormentare il ritmo nella dirittura opposta percorrendo i primi 1000 metri in oltre 1m 6s. Ma qui Joao non si è fatto pregare ed ha dato uno strappo, proprio come fece il nostro di The Magic, che si è poi rivelato decisivo ai fini della corsa. Con uno scatto si è portato in testa, ha rifiatato in curva, ed in dirittura è ripartito sottraendosi dal finale di Pakistan Star (Shamardal) e Werther (Tavistock). Una magia vera e propria per un fantino eccezionale, pazzesco, di un'altra dimensione attualmente.

Questo tipo di manovra non ha affatto giovato a Dicton (Lawman), osservato speciale dall'Italia e dalla Francia per il training di Gianluca Bietolini, il quale dopo partenza leggermente incerta con Olivier Peslier è rimasto in pancia al gruppo ma preso in velocità non è riuscito a dare il cambio di marcia decisivo, rimanendo invischiato a fondo gruppo e battendo solo Designs Of Rome. Per lui ora è previsto un ritorno in Francia, dove cercherà di ritagliarsi uno spazio in alcune delle prove più importanti a livello di G1 in Europa tra il miglio ed i 2000 metri. Quanto al vincitore, è tornato ad Hong Kong dopo una defaillance in Dicembre, forte dell'esperienza accumulata quel giorno quando fu 9° di Beauty Only nell'Hong Kong Mile G1. Poi ha rifinito la condizione a Nakayama nel Nakayama Kinen G2 vincendo con a bordo Mirco Demuro in Febbraio, in un catino simile a quello di Sha Tin, ed ecco la vittoria con parziali di 28.03, 26.77, 24.99, 22.39, 22.41 con tempo finale di 2m 04,59. Da un Magic, all'altro. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO DELL'AUDEMARS PIGUET QE II CUP QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui