STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2019. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2019 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 28 giugno 2017

Misterioso business man acquista l'intera proprietà del Ballymacoll Stud per €8,15 milioni. L'allevamento irlandese continua..

La fine di un'era o un nuovo inizio. La famiglia Weinstock ha ceduto il Ballymacoll Stud per una cifra complessiva di €8.15 tramite Peter Walsh dellla Orpen Franks per un non meglio precisato businessman e imprenditore irlandese, che ha optato per l'acquisto in asta pubblica a Dublino presso il Shelbourne Hotel nella giornata di martedì. A riportarlo The Irish Field che ha documentato con dovizia di particolari i dettagli della transazione. La proprietà che consta di 294 acri è stata acquisita interamente dopo che i vari lotti non avevano raggiunto la riserva singolarmente, quando è arrivata l'offerta per accaparrarsi il complesso completo. La transazione è stata gestita da Willie Coonan della REA Coonan in Maynooth, Co Kildare in Irlanda e Knight Frank. Lo stud continuerà ad essere palcoscenico di altre storie dell'allevamento del purosangue, così come voluto da Peter Reynolds, che ha agito per la famiglia Weinstock. Quanto ai cavalli e alle fattrici, assisteremo ad un altro capitolo in asta pubblica quando tutto il materiale passerà sotto il martello di Tattersalls.
Tra i vincitori di G1 che vanta il prestigioso stud, ci sono Golan, Conduit, North Light, Pilsudski, Saddler's Hall, Spectrum e Troy.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui