STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2020. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2020 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

lunedì 19 giugno 2017

#RoyalAscot 2017: Lo spettacolo abbia inizio! Cinque giorni da vivere intensamente, ecco il programma dal 20 al 24..

Ci siamo. Già si sente il profumo dell'erba del Berkshire, in un rito che oramai si compie ininterrottamente dal 1711, da ben 306 anni. Il rito è quello del Royal Ascot, fenomeno di cultura, sportivo e soprattutto sociale che chiama a raccolta nella cinque giorni (prima erano 4) un pubblico di circa 300,000 unità, cilindro più o tuba meno. I prezzi per entrare al Royal Ascot sono esorbitanti, se uno non ha la possibilità di avere accrediti, ed i biglietti cominciano ad essere venduti già dagli ultimi giorni del meeting in ottica anno successivo. In pratica, è un meeting irrinunciabile e genera profitti mostruosi, con percentuali sempre in attivo. Quest'anno cercheremo di raccontarvi il meglio del meglio, senza omettere niente. Sarà un esercizio non semplice, ma anche gustoso perchè da appassionati di ippica non aspettiamo altro che inizi il Royal, ogni anno. Si tratta del "Meeting" per eccellenza, quello che ogni anno fa vibrare l'anima in un turbinio di emozioni.
Nel mondo è conosciuto come "The greatest race meeting in the world", e nel corso degli anni c'è stato sempre un motivo dominante: Il 2011 è stato quello del "Tercentenary", 300 anni dalla fondazione da parte della Regina Anna (Queen Anne) alla quale siamo eternamente grati, quello del 2012 è stato il il Giubileo di Diamanti di Sua Maestà la Regina Elisabetta II d'Inghilterra, da 60 anni sul trono. Nel 2016 si è festeggiato i 90 anni di Sua Maestà la Regina Elisabetta II, che come ogni anno aprirà ufficialmente le danze varcando il cancello che dal castello di Windsor attraversa la pista per poi arrivare al tondino principale. Nel 2017 non ci sono particolari motivi di interesse, se non che sia il primo anno della Brexit, del fatto che sarà l'anno in cui ci sono più americani che in ogni altro Royal Meeting etc etc. Insomma, un un insieme tutto da gustare e questo è l'aspetto conviviale da non perdere. Il Royal è unico ed inestimabile.
Come sempre, dal 2014, ad un anno dalla scomparsa del Maestro Sir Henry Cecil si omaggerà la sua figura in quello che è stato il "suo" meeting. Qui il Maestro ha ottenuto 75 vittorie, più di chiunque altro, ma è un record destinato ad essere sbriciolato da quella macchina perfetta chiamata Coolmore e guidata da Aidan O'Brien. Segno dei tempi, dell'ippica moderna. Ma uno dei momenti più toccanti sarà proprio il ricordo nei suoi confronti. Comunque a proposito del Maestro non possiamo non riproporre una delle più impressionanti performances di un cavallo al Royal: Si tratta di Frankel che vinse le Queen Anne Stakes. Godetevela con il volume alto e sentite il boato della folla al momento del cambio di marcia. Il video QUI.
C'è attesa anche per Frankie Dettori in un luogo per lui magico. La statua che campeggia all'ingresso dell'ippodromo racconta molto di lui. Ogni volta che entra al tondino, che vince, che alza un sopracciglio, viene acclamato. Solo chi ha frequentato può aver assimilato queste emozioni e l'invito che rivolgiamo a chi legge queste tediose righe, è quello di programmare, almeno una volta nella vita, un viaggio verso Ascot. Da pelle d'oca. Come sempre vi consigliamo di leggere questo articolo con il sottofondo musicale dell'inno nazionale inglese che vi proponiamo cliccando su questo LINK. Quando partirà la musica, potrete continuare a leggere.
Bene, parliamo di fatti. Il meeting si svilupperà in 5 giorni da martedì a sabato. Ogni giorno ci sarà almeno un G1 da vedere. Sei corse ogni giorno, inizio alle 2,30 (ora locale) per finire alle 5,35 ora locale pm, naturalmente da noi un'ora più in avanti. Le corse di G1 ci saranno tutti i giorni (in totale saranno 8) condite con altre di G2 e G3 e le tradizionali chiusure con le varie Classi 2, Heritage Handicaps e corse bellissime. Insomma, 30 corse da bere con calma in 5 giorni. Le condizioni atmosferiche al momento sono talmente buone che si preannuncia caldo infernale e terreno duro. Anche se sono previsti scrosci d'acqua, non ci sono dubbi che il terreno rimanga compatto per tutta la sessione.
La prima giornata di martedì 20 Giugno si apre subito con 3 G1 in un pomeriggio con dichiarazione di partenti ben definita. Alle 15,30 ora italiana si corrono le Queen Anne Stakes G1 sui 1600 metri in pista dritta per anziani. Il favorito (prima a 4/5 poi a 8/11) è Ribchester (Iffraaj), che ha pescato l'1 di steccato ma non è questo quello che interessa ad un convinto Richard Fahey. Il 4 anni di Godolphin affronterà 15 avversari tra cui il Lighting Spear (Pivotal), cresciutissimo, ma già battuto a Newbury nelle Lockinge Stakes G1. Il market mover della corsa è Deauville (Galileo), sceso da 25 a 16, mentre Willy Haggas (che quest'anno ha un buonissimo 30% di strike rate) presenta Mutakayyef (Sea The Stars) al rientro da Meydan nel Duty Free G1 dove è giunto 5°. Frankie Dettori sarà a bordo di American Patriot (War Front), vincitore a Keeneland in G1 e dotato di grandissimo spunto. Todd Pletcher non si sposta a caso, ed è convinto di fare una bella sorpresa. A 25/1 è un tentativo da fare. Tra gli altri c'è l'italian bred Kaspersky (Footstepsinthesand), a 66/1, di fronte ad un compito improbo. Secondo a Nottingham in Classe 2, avrà in sella l'australiana Michelle Payne, salita agli onori della cronaca per esser stata la prima donna a vincere la Melbourne Cup G1 nel 2015 in sella a Prince Of Penzance. Qualcosa lo ometteremo certamente, ma dovremmo parlare ore del Royal e di tutti. Ci soffermiamo sulle cose più interessanti, apparentemente. Come per esempio il fatto del clima politico soffocante che si respira in medio oriente che può ricadere su questo meeting sulla questione terrorismo e ponti chiusi con il Qatar da parte di molti stati arabi. Infatti il Royal Ascot, tra le varie sponsorizzazioni, è foraggiato dalla QIPCO, fondo di investimento Qatariota. Chissà come reagiranno, l'uno con l'altro, se dovessero vincere i Dubaiani di Godolphin. E questo è un aspetto curioso perchè c'è rischio di crisi diplomatica in giro per il mondo.
L'altra corsa interessante del primo giorno sono le King's Stand Stakes G1 sui 1000 metri per 3 anni ed oltre con favorita Lady Aurelia (Scat Daddy), che ha già vinto al Royal Ascot, ed avrà in sella Frankie Dettori. Seconda favorita una Marsha (Acclamation) in formissima. Ma è aperta, come ogni corsa per velocisti.
La corsa più interessante del pomeriggio sono le St James Palace's Stakes G1 per i 3 anni sul miglio, una sorta di rivincita delle 2000 Ghinee con Churchill (Galileo) strafavorito, contro Barney Roy (Excelebration) di Godolphin rodatissimo. Chiude la suite del primo giorno le Coventry Stakes G2 per i 2 anni dove il favorito è Brother Bear (Kodiac), di Mrs John Harrington, imbattuto in 2 uscite. Atteso anche Denaar (Acclamation) per Al Shaqab, prospetto di stallone, con Dettori in sella.
IL CAMPO PARTENTI DEL DAY 1 CLICCANDO QUI.
Il secondo giorno, mercoledì 21 Giugno, altre 6 corse in programma tra cui Jersey Stakes G3, Queen Mary G2 per femmine di 2 anni, Duke Of Cambridge G2 per femmine anzianPrince Of Wales's Stakes G1, per anziani sui 2000 metri. Partenti già dichiarati, sono 9 al via, ed un bel match tra Coolmore e Godolphin, dunque Highland Reel (Galileo) e Jack Hobbs (Halling), 2 cavalli da miglio e mezzo, che affronteranno Ulysses (Galileo) in crescita e Decorated Knight (Galileo) in ascesa. IL CAMPO PARTENTI DEL DAY 2 CLICCANDO QUI.
e e soprattutto le
Il terzo giorno del mercoledì 22 Giugno offrirà le solite 6 corse con apertura con le Norfolk Stakes G2, per i 2 anni misti sui 1000 metri, poi le Hamton Court Stakes G3 (ex Tercentenary), le Ribblesdale G2 per femmine di 3 anni, e soprattutto, anche in questo caso, la Gold Cup G1 per anziani sulle 2 miglia, 3 furlongs e 210 yards. Quattromila metri da vivere con pazienza. Ci sarà il vincitore dello scorso anno Order Of St George (Galileo) ma la dichiarazione dei partenti avverrà solo domani. IL CAMPO PARTENTI DEL DAY 3 CLICCANDO QUI.
Il quarto giorno è venerdì 23 Giugno: Il programma si apre ancora con i 2 anni protagonisti delle Albany Stakes G3, per femmine giovani sui 1200 metri, poi ci sono le King Edward VII Stakes G2 per maschi, il cosiddetto Derby di Ascot, poi il Queen's Vase G2 per 3 anni sulla distanza, e ben 2 G1. La Commonwealth Cup G1 per 3 anni sui 1200 metri, corsa che esiste da 2 anni e genera stalloni ed interesse, e le Coronation Stakes G1 per femmine di 3 anni. IL CAMPO PARTENTI DEL DAY 4 CLICCANDO QUI.
Il quinto giorno è sabato 24 Giugno ed è il giorno delle Chesham Stakes, del tradizionale Wolferton Heritage Handicap, delle Hardwicke Stakes G2 (in preparazione delle King George del mese successivo) poi altri 2 handicapponi mentr il clou è rappresentato dalle Diamond Jubilee Stakes G1 sui 1200 metri in pista dritta. Chissà che qualcuno protagonista delle King's Stand il primo giorno non decida di fare anche questa a distanza di pochi giorno. In passato è accaduto. Una cosa già la sappiamo. Non ci sarà Quiet Reflection (Showcasing), molto attesa, perchè vittima di un contrattempo. Ne ha parlato Karl Burke annunciando che verrà buona per Newmarket più avanti. IL CAMPO PARTENTI DEL DAY 5 CLICCANDO QUI.
Signori, ecco il Royal Ascot. Dio salvi da Regina dei nostri cuori! 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui