STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

mercoledì 26 luglio 2017

Mercato: Dylan Mouth venduto a Earle Mack! Obiettivo Melbourne Cup G1, rimarrà in training da Marco Botti

A proposito di italiani che vengono venduti, è arrivata anche l'ufficialità della cessione a titolo definitivo del campione italiano Dylan Mouth (Dylan Thomas), escluso dall'asta Tattersalls di Luglio a Newmarket, ma acquistato privatamente da Earle Mack, businessman con la passione per i cavalli, già noto come proprietario di Electrocutionist (giubba amaranto) prima del passaggio a Godolphin, che ha completato la transazione con la Effevi nelle ultime ore con un occhio rivolto all'Australia e alla Melbourne Cup G1, come confessato proprio ai quotidiani locali, del 7 Novembre prossimo. In realtà Felice Villa ha ceduto il cavallo per un anno e mezzo, prima di tornare ad averlo a disposizione eventualmente con interessi da stallone in cui è incluso anche Earle Mack stesso.
Il proprietario americano ha spiegato infatti che per lui è la corsa più eccitante del mondo, già provata a vincere un paio di volte con Manighar, settimo nel 2010 e quinto nel 2011, forse insieme a Electrocutionist il cavallo più forte di sua proprietà, e con Mad Rush, settimo nel 2008. 
Quanto a Dylan Mouth, è accaduto quanto ci aspettavamo da un cavallo come lui. Sei anni, tornato a vincere nei grossi handicap come quello di Haydock in Classe 2 recentemente con Harry Bentley in sella (nella foto), campione autentico nel nostro paese con 3 vittorie di G1 all'attivo tra cui il Derby, che avrà come destinazione naturale, per un passista, la Melbourne Cup G1 sulle 2 miglia o le ricche prove australiane. Unico problema, a mio avviso, sono le curve a volte troppo "invitanti" e con rette troppo corte.
Vedremo cosa combinerà, comunque. Rimarrà per ora in training da Marco Botti che ne curerà la preparazione per la prova che ferma una nazione del 7 Novembre prossimo. Per lui c'è in programma il periodo di quarantina ed ambientamento, con eventuali summit nella Caulfield Cup G1 del 21 Ottobre sul miglio e mezzo, il Cox Plate G1 del 28 Ottobre, dove potrebbe addirittura incontrare la campionessa Winx, sui 2000 metri. Ma questa è una ipotesi abbastanza fantasiosa, poco realizzabile. Inizialmente erano stati previsti programmi diversi come l'American St Leger o le Geoffrey Freer Stakes G2 di Newbury come preparazione all'autunno. Ma l'acquisto e la voglia d'Australia, ha fatto cambiare tutto.
Finisce dunque qui la carriera di un cavallo bello, forte ed atletico che ha passato un periodo no proprio nell'ultima stagione, quando è passato nelle mani di Marco Botti ed ha dovuto "rullare" su e giù per Warren Hill a Newmarket, ritrovandosi sul finire dell'esperienza, quando tutto sembrava perduto. Inserito nell'asta Tattersalls July Sales, è stato ritirato dal suo proprietario Felice Villa che aveva cambiato idea subito dopo la vittoria. Poi, è arrivata l'offertona irrinunciabile. Allevato dalla Azienda Agricola Mariano, è figlio di Dylan Thomas (Danehill) e Cottonmouth (Noverre), titolare di 25 corse disputate e 13 vittorie e 4 piazzamenti per circa £900,000 in somme vinte.
Al momento il favorito in antepost della Melbourne Cup è Red Cardinal (Montjeu) per Andreas Wohler a 14/1, poi Thomas Hobson (Halling) per Willie Mullins, il locale Almandin (Monsun) e Vazirabad (Manduro) a 20/1 poi Francis Of Assisi (Danehill Dancer), per Godolphin, a 25/1. Non ancora nel market Dylan Mouth. 

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui