STIAMO ORGANIZZANDO SPAZI PUBBLICITARI PER IL 2018. PROMUOVI LA TUA AZIENDA

Portiamo avanti questo sito con entusiasmo e tanta voglia di crescere. Ci mettiamo tutta la nostra energia, tempo, impegno e vogliamo che sia e resti uno spazio libero per le nostre idee e quelle dei lettori. Tutto il lavoro fatto finora ha portato questo blog ad un livello di contatti giornalieri che pensavamo impossibile. E siamo in continua crescita! Dunque se vuoi ottenere visibilità, quello che hai di fronte fa al caso tuo. SE VUOI ACQUISTARE QUESTO SPAZIO PUBBLICITARIO PER LA STAGIONE 2018 CONTATTACI SU gabrielecandi@gmail.com. Massimo profitto!

venerdì 14 luglio 2017

Francia: #Shakeel beffa #Permian nel Grand Prix de Paris, solo 8° Mac Mahon. Full Drago 5° in G2. Resa italiana..

Non è andata bene. Per nessuno dei nostri. Il miglior risultato degli italiani in Francia in questo giorno di festa, è stato il quinto posto di Full Drago (Pounced), campione italiano, miglior anziano della nostra penisola, che non è andato oltre ad un quinto posto nel Prix Maurice de Nieuil G2 sui 2800 metri. Con Cristian Demuro in sella ha gestito la corsa in avanti giocando con i parziali, ma senza mai essere troppo pressato. In curva primi segni di cedimento con il figlio di Pounced (Rahy) chiamato a maggiore sforzo mentre gli avversari arrivavano all'esterno. In retta Talismanic (Medaglia D'Oro), che si è presentato con del buono in mano, è passato deciso e si è involato verso il traguardo mentre gli altri, compreso Full Drago, hanno lottato per le piazze. A 200 dal palo, con gran carattere, il nostro ha tentato un rigurgito d'orgoglio ma sul traguardo solo un quinto posto per lui, che non è il massimo onestamente per quanto ci potessimo aspettare. 
Seconda è arrivata Marmelo (Duke Of Marmalade), mentre quarto Moonshiner (Adlerflug) che a San Siro, nel Milano G2 vinto da Full, è giunto sesto a "n" lunghezze dal nostro. Quindi, riferimento ribaltato ma perché Moon in effetti è un fondista.. e Full Drago, rendendo chili, forse no. Compresa la linea di Talismanic che quando fu secondo di Hedouville G3, fu davanti di poco a Way To Paris, poi secondo nel Milano di cui sopra. Quindi, anche in questo caso, una linea certamente non confermata. O almeno, la prestazione non ripetuta.. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO QUI.
Non è andata bene nemmeno per Mac Mahon (Ramonti), la speranza italiana al via nel Juddmonte Grand Prix de Paris G1 da supplementato, non solo ha perso l'imbattibilità ma lo ha fatto fornendo una prestazione sottotono per quello che tutti ci aspettavamo, giungendo in penultima posizione battendo solo Spanish Steps, il battistrada del Coolmore. Mac Mahon ha provato a seguire il gruppo rimanendo dietro ai primi in una corsa gestita da Permian (Teofilo), l'altro supplementato, che ad un certo punto ha sveltito l'andatura mettendo in difficoltà in primis proprio Mac Mahon che ha cominciato ad incrementare i giri ma senza guadagnare troppo in curva. All'ingresso in dirittura il cavallo di Takaya Shimakawa ha perso metri, accerchiato dagli avversari, mentre quelli davanti se le stavano già dando di santa ragione. Alla fine a vincere è stato Shakeel (Dalakhani), nella foto, portacolori dell'Aga Khan con in sella Cristophe Soumillon in versione artista, che alla fine ha piegato proprio il Mark Johnston, mentre al terzo è giunto forte Venice Beach (Galileo). Il vincitore era reduce da un secondo posto nell'Hocquart G2 alle spalle di Ice Breeze (Nayef), giunto quarto.
Male, malissimo. Ma più che la consapevolezza che le nostre corse in effetti valgono molto meno (siamo in una sorta di serie b d'europa), fa rabbia vedere la resa incondizionata senza lottare. Forse, per mancanza di abitudine, sparring partner adeguati, o esperienza o la curva a mano sinistra. Chissà, ma certamente non è stata la stessa prestazione nel Derby Italiano. Poveri si, ma forse anche non abituati.. IL VIDEO DEL GRAND PRIX DE PARIS QUI. IL RISULTATO COMPLETO QUI.
Che le Oaks italiane G2 non valessero granchè, anche in questo caso, già lo sapevamo. Ma Paiardina (Casamento) sulla carta era l'unica che aveva vinto a livello di stakes nella compagnia. Ed invece, dopo aver graduato in avanti, ma senza respirare troppo e non gestendo le sorti come le sarebbe parso e piaciuto, all'ingresso in retta ha alzato bandiera bianca ed è giunta ultima in una corsa vinta da Sarigane (Teofilo), che veniva dagli handicap francesi, su Lady Montdore (Medaglia D'Oro) e Diablesse (High Chaparral), al terzo. IL RISULTATO COMPLETO QUI. IL VIDEO QUI.
Resta vivo il sogno che abbiamo provato ad inseguire. Grazie lo stesso.
Domenica aspetteremo con pazienza l'esito dell'Eugene Adam G3 sui 2000 metri dove scenderanno in pista Back On Board (Nathaniel) ed Amore Hass (Azamour), altri 2 rappresentanti della categoria dei 3 anni in Italia. Speriamo bene. IL CAMPO PARTENTI QUI.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui