Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

giovedì, marzo 12, 2020

Irlanda: Corse a porte chiuse fino al 29 Marzo! Boris Johnson ostenta sicurezza in Inghilterra

Nella foto Brian Kavanagh, AD dell'Horse Racing Ireland.
Mentre Boris Johnson, il Premier Britannico, ostenta una certa sicumera nelle sue dichiarazioni e nei fatti, come se la pandemia non esistesse, e come per esempio parlando delle misure messe in atto da altri Paesi ha detto "non sono basate sulla scienza" e poi ancora "Eventi e raduni non hanno conseguenze" a chi gli chiedeva se non fosse il caso di adottare la linea scelta dal governo Conte, di 'chiudere' l'intera Italia, in Irlanda stanno prendendo le cose un pò meno alla leggera.
Oggi il  Il Board of Horse Racing Ireland ha annunciato che le corse dei cavalli si terranno a porte chiuse a partire da Dundalk domani e fino al 29 Marzo.
La decisione segue il consiglio del governo irlandese, che ha emesso questa mattina una misura per contenere la diffusione di Covid-19, inclusa un'istruzione per limitare gli assembramenti a meno di 500 persone.
Dopo essersi consultato con il Dipartimento dell'Agricoltura, dell'alimentazione e della marina e con le parti interessate del settore, Horse Racing Ireland ha imposto una serie di restrizioni alle riunioni di corse tra oggi e il 29 marzo per garantire che meno di 500 persone siano presenti in ogni riunione di gara.
Queste misure avranno effetto immediato e la situazione sarà sottoposta a revisione.
Le restrizioni sono:
I convegni saranno chiusi al pubblico con misure di distanza sociale raccomandate implementate in pista
L'accesso sarà limitato ai fornitori di servizi essenziali e ai partecipanti del settore
Non ci saranno servizi di catering, su bookmaker o Tote
Un solo artiere per corridore dichiarato sarà ammesso all'ippodromo
Sarà ammesso un proprietario per corridore
Saranno ammessi solo allenatori di cavalli che corrono durante la riunione
A tutti i partecipanti verrà chiesto di lasciare l'ippodromo dopo la corsa dei cavalli
Al momento le corse continueranno a essere disponibili per le emittenti

Brian Kavanagh, amministratore delegato di Horse Racing Ireland, ha dichiarato:
“È importante che l'ippica agisca in modo responsabile e faccia la sua parte negli sforzi per limitare la diffusione di Covid-19. Questo è il motivo per cui stiamo annunciando, con effetto immediato, che le corse di cavalli in Irlanda continueranno tra oggi e il 29 marzo, ma saranno gestite a porte chiuse con accesso molto restrittivo. I punti vendita non saranno aperti al pubblico, in linea con le misure adottate da altre giurisdizioni internazionali come Francia, Hong Kong, Giappone e Dubai.
“La salute pubblica è la priorità numero uno e queste restrizioni continueranno a essere costantemente riviste mentre ci mettiamo in contatto con i nostri colleghi del Dipartimento di Agricoltura, Alimentazione e Marina e Dipartimento della Salute.
"Le restrizioni che stiamo annunciando oggi limiteranno l'interazione sociale ma consentiranno a un'industria rurale vitale di continuare a operare, proteggendo mezzi di sussistenza e posti di lavoro".
Gli uffici di Horse Racing Ireland rimarranno aperti durante questo periodo e il lavoro da casa sarà facilitato ove possibile.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata