Ippica, Galoppo, Corse & Allevamento

Sticker

lunedì, marzo 16, 2020

Inghilterra, BHA comunica: "Si corre ma a porte chiuse, cerchiamo di salvare il salvabile"

Nella foto la dirittura del Rowley Mile a Newmarket.
Alla fine è arrivata anche l'Inghilterra a dover prendere delle misure straordinarie per combattere la pandemia di cui stiamo vivendo una evoluzione drammatica per certi versi.
Le corse britanniche saranno a porte chiuse a partire da martedì ed almeno fino a fine Marzo, come aprecauzione contro la pandemia di COVID-19 (coronavirus), con limiti di accesso al numero di personale essenziale. L'ippodromo scozzese Kelso aveva messo in atto una politica a porte chiuse da solo a partire da domenica per allinearsi ai consigli del governo scozzese ed ora Inghilterra e Galles seguiranno ora l'esempio. 
L'annuncio ampiamente atteso da parte del British Horseracing Authority porta la Gran Bretagna in linea con i protocolli messi in atto da Irlanda e Germania. L'Italia ha annullato completamente le corse fino al 3 Aprile e lunedì pomeriggio la Francia ha annunciato che tutte le corse si fermeranno fino al 15 Aprile.
Lunedì scorso, il BHA aveva annunciato di aver chiuso i suoi uffici dopo che un piccolo numero di impiegati aveva mostrato sintomi di coronavirus.
Una dichiarazione del BHA recita: "l'intenzione è che le giornate di corse programmate si svolgano ovunque possibile. Tuttavia, al momento la situazione è molto fluida e potrebbe essere necessario prendere la decisione di annullare le riunioni. Sarà fatto ogni sforzo per informare i clienti e il settore delle scommesse alla prima opportunità.
L'idea è quella di continuare a correre, con l'obiettivo di concordare un programma che sia sostenibile, alla luce delle possibili assenze del personale, anche in ruoli critici, al fine di proteggere il personale del settore e sostenere lo sforzo più ampio possibile. Il piano è stato concordato dal BHA,  dalla Racecourse Association e dalla The Horsemen’s Group
L'amministratore delegato della BHA Nick Rust ha dichiarato: “Ippodromi e campi da corsa sono integrati nelle loro comunità locali e siamo profondamente consapevoli delle nostre responsabilità di proteggere la salute pubblica. Le restrizioni che stiamo mettendo in atto per chiudere le gare agli spettatori e limitare i partecipanti ridurranno la domanda di servizi pubblici. Disponiamo inoltre di una serie di misure progettate in risposta agli orientamenti del governo in materia di salute pubblica e continueremo ad aggiornarle, se del caso.
“Riconosciamo che la decisione di oggi avrà un impatto anche sulle attività commerciali locali, in particolare alberghi e ristoranti, che in questo momento stanno lottando. Stiamo seguendo il consiglio del governo di trovare un equilibrio tra protezione della salute pubblica e mantenimento dell'attività commerciale e continueremo a farlo. Ringraziamo i nostri clienti e il personale per il loro supporto. "
Lunedì Weatherbys ha rilasciato una dichiarazione affermando che i suoi uffici rimangono aperti, con un sito di continuità secondaria esistente attivato per ospitare 50 membri dello staff a partire da questa settimana. Alcuni membri del personale hanno anche sfruttato le capacità di lavoro a distanza.

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta qui

Ricerca personalizzata